21 agosto 2017

Léopold Sédar Senghor, il cantore della Negritudine

gaye_senghor

È la prima volta che Léopold Sédar Senghor, il cantore della Negritudine, viene tradotto in italiano da un poeta africano, il senegalese Cheikh Tidiane Gaye. Di madrelingua wolof, Gaye è francofono per ‘imposizione’ – essendo il francese la lingua ufficiale del suo paese d’origine – e italiano per ‘scelta’ – essendo l’Italia il paese in […]

Prendi quello che vuoi, ma lasciami la mia pelle nera

Prendi quello che vuoi:Jacques Ellul

In  libreria dal 16 gennaio 2013 con Jaca book. Questo libro racconta una storia da cui si dipanano altre storie, a volte sgranate come in rosario, altre ripescate con incursioni nella memoria. E’ una lunga affabulazione che ha per oggetto l’identità: ogni uomo ne possiede una, inalienabile e necessaria; ma, a volte, altri uomini provano […]

Pagine 1 2

L’Étreinte des rimes/Rime abbracciate

_cheikh_gaye_copertina-rime-abbracciate

Così Maria Gabriella Romani Kouacou e Cheikh Tidiane Gaye operano di cesello alla stregua di orefici. Il passaggio da una lingua all’altra non altera in niente la bellezza del dire poetico. La musicalità ne esce rafforzata e il lavoro di staffetta ci apre porte verso luoghi da condividere. Ainsi, Maria Gabriella Romani Kouacou et Cheikh […]

Curve alfabetiche

cheikh_gaye_curve_alfabetiche

Prefazione di Mario Sechi Professore Ordinario di Lettera moderna e contemporanea presso l’Università di Bari Come tutti i poeti moderni, a partire dall’amato Baudelaire, Cheikh Tidiane è un poeta in viaggio. L’origine del suo viaggio è certa, è chiara, è nell’Africa vitale ed esplosiva degli anni Sessanta, al passaggio della decolonizzazione, e si può immaginare […]

Ode nascente / Ode naissante

cheikh_gaye_ODE_NASCENTE

Al banco della notte bruna, il vento profumato di suoni non urta il fianco dei miei ricordi sobri e sereni; rinasco al ritmo della Kora che pettina la chioma delle mie canzoni, al flauto affilato nell’allegria, ai tam-tam che intrecciano parole, parole fedeli agli spiriti, spiriti protettori delle savane, savane fiorenti dove flora e fauna […]

Canto del djali,Voce del saggio, parole di un cantore

cheikh_gaye_IL_CANTO_DEL_DJALI

Percorrere le pagine della raccolta poetica di Cheikh Tidiane Gaye significa allora immergersi, una volta di più dopo Senghor, nelle costanti di un’Africa finalmente felix:un’africa del passato, quella in cui il “coltello selvaggio” non aveva ancora “strappato la prestigiosa comunione” dell’uomo con l’essere(“il poeta e lo spirito”). Si cerca l’”ago eterno(…)così potente da ricucire”; tuttavia […]

Méry, principessa albina, racconto di un sogno africano

_cheikh_gaye_méry_principessa_albina

“La notte prometteva e le stelle sparivano poco a poco. Il villaggio di Keur Seung si identificava in Méry. Una notte allo stesso tempo limpida e sacra per la forza scatenata della principessa”. Méry, principessa albina è il racconto di quella notte, durante la quale emergono i ricordi di una cultura in cui l’educazione dei […]

Il giuramento

cheikh_gaye_il giuramento

Un giorno nuovo sull’Africa “E se l’Africa rifiutasse lo sviluppo” tale era il titolo, provocatore e iconoclastico, di un libro scritto dalla romanziera camerunese Axelle Cabou che fece molto scalpore. Come se, in effetti, l’Africa, si compiacesse in questa situazione di continente marginalizzato, sottosviluppato, povero, prostrato da ogni flagello come l’Aids, la terribile febbre Ebola, […]